Kombucha, il tè detox per la linea: benefici e controindicazioni

Il the kombucha è una bevanda cinese di origini antichissime, oggi conosciuta e amata anche in Occidente. Il kombucha ha benefici importanti per il benessere generale e per la linea, ma come si prepara? Ecco tutto quello che c'è da sapere su questo elisir di lunga vita, un vero e proprio super food che ha moltissime proprietà ma anche qualche controindicazione.

da , il

    Kombucha, il tè detox per la linea: benefici e controindicazioni

    Il kombucha è un the detox efficace per la linea, originario della Cina e con una tradizione storica straordinariamente lunga ed affascinante. Il kombucha tea è da sempre considerato un vero e proprio elisir di lunga vita, capace di regalare un generale benessere all’organismo; in realtà, ci sono anche molti esperti che restano scettici sui reali effetti positivi di questa bevanda cinese e alcuni sostengono che possa causare anche spiacevoli effetti collaterali. Il the kombucha è una bevanda simile ad un classico tè, che negli ultimi anni ha ottenuto uno strepitoso successo non solo nelle terre orientali ma anche in Europa e negli Stati Uniti, dove è particolarmente apprezzato anche da star e celebrità. Il kombucha porterebbe benefici sulla linea ed è considerato un vero alleato di chi vuole dimagrire. Scopriamo quindi di cosa si tratta esattamente, come si fa il the kombucha, quali sono le sue proprietà e le controindicazioni.

    Kombucha, cos’è?

    Il the kombucha è una bevanda fermentata a base di tè verde o nero e di una coltura di batteri e lieviti. Il suo sapore differisce a seconda della fermentazione e della quantità degli altri ingredienti: da dolce ad acidulo, da aspro e deciso a frizzantino, con sentori leggermente alcolici. Il kombucha tea, nome con cui è conosciuto negli Stati Uniti questo tè fermentato, è una bevanda cinese che ha origini antichissime e che è famosa per essere ricca di proprietà benefiche.

    Si tratta di un vero e proprio superfood: un alimento liquido vivo, con una coltura batterica di probiotici naturali simile a quella presente nello yogurt; grazie a queste caratteristiche, il the kombucha ha benefici importanti per l’intestino ed è una bevanda disintossicante e dimagrante molto efficace.

    Oltre ad essere nota come bevanda alternativa ad un the o tisana detox, il kombucha può essere utilizzato anche come ingrediente per un primo, un secondo o persino un dolce, in modo da sfruttare tutte le sue proprietà benefiche all’interno di un menu completo, originale e salutare.

    Kombucha: proprietà e benefici del tè fermentato

    Grazie alle sostanze che contiene, il the kombucha ha proprietà benefiche che lo trasformano in un valido alleato per la linea, ma non solo; l’antichissima bevanda cinese derivata dal fungo kombucha, avrebbe molti effetti positivi sul benessere generale dell’organismo.

    Il the kombucha è conosciuto addirittura come “the miracolo”: in Germania, il dottor Rudolf Sklenar affermò addirittura che il kombucha tea potesse avere effetti benefici contro i tumori, dopo averlo inserito con successo in una terapia anticancro.

    Tra i vari benefici che questa bevanda fermentata è in grado di regalare, ecco quelli più significativi:

    • Stimola, attiva e risveglia il metabolismo, provocando quindi un effetto dimagrante.
    • Tonifica i tessuti muscolari, riducendo al tempo stesso l’accumulo di grasso.
    • Migliora la funzionalità intestinale, grazie alla sua proprietà probiotica, e si presenta quindi con un naturale depurativo.
    • Favorisce la circolazione sanguigna ed è altamente drenante, con effetti positivi sulla ritenzione idrica e sugli inestetismi della cellulite.
    • Aiuta a tenere sotto controllo il diabete e la pressione sanguigna.
    • Combatte i reumatismi, l’artrite e i dolori articolari.
    • Agisce in modo benefico nella cura delle malattie cardiache.
    • Riduce i processi infiammatori stimolando e rinforzando il sistema immunitario.
    • Rafforza i reni e può aiutare nel risolvere il problema dei calcoli renali.

    Kombucha: controindicazioni ed effetti collaterali

    I benefici del the kombucha sono reali secondo il parere di molte persone che lo hanno provato con successo e secondo la medicina tradizionale cinese, ma ci sono anche degli esperti che restano scettici sulle reali potenzialità di questa bevanda probiotica e non sono convinti che gli effetti del tè fermentato kombucha siano solo positivi.

    Secondo molti di loro, il the kombucha ha controindicazioni importanti, che non possono essere ignorate nel momento in cui si decide di cominciare ad assumere questa bevanda cinese inserendola nella propria dieta.

    In particolare, esperti come la dottoressa Emma Williams della British Nutrition Foundation, ritengono che la mancanza di prove scientifiche a sostegno dei benefici del the kombucha lo rendano un alimento poco sicuro: è necessario che questo rimedio sia usato con cautela, anche perché parliamo di un prodotto vivo, quindi potenzialmente imprevedibile.

    Gli effetti collaterali che sembrano essersi verificati su diversi soggetti sono:

    • Vomito.
    • Ittero.
    • Eruzioni cutanee.

    Viste le premesse, è bene sempre consultarsi col proprio medico prima di cominciare ad assumere il the kombucha e valutare insieme a lui se si corrono rischi oppure no.

    Kombucha: calorie e valori nutrizionali

    Il the kombucha per dimagrire è dunque efficace oppure no? Sembra che i principali effetti dimagranti del kombucha tea si abbiano grazie alla sua azione sul metabolismo, che verrebbe stimolato e reso più veloce; inoltre, anche le sue proprietà drenanti aiutano a eliminare i liquidi in eccesso e dunque a dimagrire.

    Proprio come tutte le altre bevande detox, anche il the kombucha non ha effetti miracolosi ma può diventare un supporto prezioso per mantenere la linea abbinato ad un’alimentazione corretta e ad uno stile di vita non sedentario.

    Ecco i valori nutrizionali e le calorie riferite a una bottiglietta da 500 ml di the kombucha:

    Composizione Quantità
    Calorie 60 kcal
    Carboidrati 14 g
    Zuccheri 4 g
    Sodio 20 mg
    Folati 100 mg
    Riboflavina (vitamina B2) 34 g
    Vitamina B6 4 mg
    Tiamina (vitamina B1) 3 mg
    Niacina (vitamina B3) 4 mg
    Vitamina B12 1,2 mcg

    Per quanto riguarda il grado alcolico, solitamente è inferiore all’1% ma anche questo varia a seconda della durata della fermentazione.

    Come si prepara il kombucha

    Per realizzare il the kombucha, la preparazione non è eccessivamente complicata quindi potete farlo anche da soli a casa, basta avere a disposizione tutti gli ingredienti, tra cui il miracoloso fungo, lo scoby kombucha: è questo il nome della colonia di batteri e lieviti che trasforma un semplice the in un energy drink e un elisir di lunga vita.

    Ecco dunque cosa vi occorre per preparare la rinomata bevanda cinese:

    • 480 ml di kombucha già pronto (da acquistare).
    • 3,7 l di acqua minerale naturale.
    • 8 cucchiaini di foglie di tè nero o verde, oppure 8 bustine.
    • 175 g di zucchero di canna.
    • Scoby kombucha.

    Entriamo nel vivo della preparazione del the kombucha; la ricetta prevede i seguenti passaggi:

    1. Portate l’acqua a ebollizione e lasciate le foglie oppure le bustine di tè in infusione per circa 10 minuti a fuoco spento.
    2. Dopo aver filtrato le foglie, oppure dopo aver rimosso le bustine, aggiungete lo zucchero e mescolate bene per farlo sciogliere. Poi versate la bevanda in un contenitore di vetro, copritela con un panno e lasciatela raffreddare.
    3. Aggiungete al the i 480 ml di kombucha già pronto che avete acquistato e mescolate con un cucchiaio di legno (evitate il metallo perché danneggereste lo scoby kombucha).
    4. Adesso unite anche lo scoby kombucha utilizzando dei guanti in lattice o di gomma e coprite con un panno, chiudendolo con un elastico.
    5. Lasciate riposare la bevanda per una settimana in un luogo buio.
    6. Passati sette giorni, controllate se il liquido è diventato frizzante e assaggiatelo: se ancora è molto dolce, lasciatelo riposare ancora qualche giorno, altrimenti potete procedere con i prossimi passaggi della ricetta per il the kombucha.
    7. Trasferite lo scoby kombucha in un altro contenitore di vetro e copritelo con circa 700 ml della bevanda appena preparata; potrete riutilizzare lo scoby entro due mesi se lo conservate in frigorifero.
    8. Il resto della bevanda potete tenerlo in bottigliette da mezzo litro, meglio se di vetro, e lasciarlo a riposare per altri due o tre giorni a temperatura ambiente.
    9. Trascorsi anche questi due o tre giorni, il vostro elisir di lunga vita sarà pronto per essere consumato e a questo punto dovrete conservarlo in frigorifero.
    10. Se volete, potete aggiungere al the kombucha del succo di frutta (una parte di succo su cinque parti di the kombucha) prima di imbottigliarlo.

    Ricordate di non utilizzare dei contenitori di ceramica, perché alcuni esperti sostengono che potrebbero rendere tossica la bevanda.

    Kombucha, tè verde o tè nero?

    Per quanto riguarda il kombucha, la ricetta originale prevede di utilizzare del tè nero, quindi è consigliabile prepararlo proprio con questa tipologia di tè, anche se spesso si legge che si può scegliere tra entrambe le varietà.

    Nulla vieta di fare qualche prova e sperimentare anche la ricetta del the kombucha con il tè verde, anche se utilizzando questa varietà si ottiene un’altra bevanda fermentata, conosciuta come Jun Tea: anche questa è ricca di probiotici e si realizza con tè verde, miele e una coltura chiamata appunto Jun.

    Ogni quanto bere il tè kombucha

    Abbiamo visto come si prepara il kombucha, ma quanto berne? Gli esperti sostengono che, per sfruttarne i benefici dimagranti, bisognerebbe bere due o tre bicchieri al giorno di the kombucha, inserendolo all’interno di una dieta sana ed equilibrata; senza dimenticare, naturalmente, una buona dose di attività fisica costante.

    Come disintossicante generale, invece, potete consumarne tranquillamente 1/4 di litro al mattino a digiuno, 1/4 di litro dopo pranzo e 1/4 di litro prima di andare a letto la sera; il motivo della differenziazione sta nel fatto che alcune sostanze vengono assimilate meglio a stomaco vuoto mentre altre si assorbono di più a stomaco di più quindi in questo modo le assumerete al meglio.

    In ogni caso è opportuno cominciare a bere il the kombucha in modo progressivo, per permettere all’intestino di abituarsi gradualmente: partite quindi con una tazzina da caffè la mattina, poi con due tazzine al giorno e poi con tre, aumentando le dosi fino a raggiungere quelle consigliate.

    Kombucha, dove comprarlo

    Il the kombucha si può trovare già pronto nei negozi oppure nei siti internet specializzati. Se invece, ora che avete capito come si prepara, volete realizzare il the kombucha a casa, dovrete acquistare solamente il fungo, il famoso scoby kombucha: anche questo viene venduto online, alcuni shop promettono addirittura la spedizione in 24 ore del fungo kombucha quindi si tratta di servizi molto pratici. Ogni scoby kombucha vi verrà inviato in un imballaggio ermetico per consentire una conservazione ottimale.

    Testi a cura di: Irene Bicchielli