La corretta alimentazione durante i periodi caldi

Quali sono le regole di una corretta alimentazione durante l'estate. Si parte evitando certi cibi, conditi con salse e maionese, e si arriva mangiando tanta frutta e verdura

Pubblicato da Valentina Morosini Mercoledì 7 luglio 2010

La corretta alimentazione durante i periodi caldi

Inutile dirlo, fa caldo. Continuano a ripeterlo al telegiornale. È un incubo, soprattutto per chi è in città. Non so se capita anche a voi: ogni volta che accendo la tv c’è qualcuno che elenca i gradi reali e quelli percepiti, come se poi cambiasse qualcosa. Insomma è estate e il caldo ci ha fatto aspettare già fin troppo. Ora godiamocelo, proteggendoci con la giusta alimentazione. Mi rivolgo soprattutto per le persone che non mangiano a casa: evitate i piatti con maionese, creme, panna. Non sapete da quante ore sono stati preparati e in comodo li hanno conservati.

Chi fa la dieta, già dovrebbe essere abituato. È importante comprare poco e consumare quello. Serve a regolarsi se si hanno problemi di linea e a tenere sotto controllo il cibo quando fa caldo. Mi raccomando tenete i prodotti in frigo: per quanto riguarda la verdura è meglio che sia lavata, sbucciata e cotta (dura più a lungo). La carne e il pesce devono essere riposti negli scomparti piu’ freddi del frigorifero.

Se siete amanti dei picnic o del barbecue ricordate un paio di regole: non impacchettare i cibi per appena cotti o ancora caldi. Non refrigerare gli alimenti da portare all’aperto per almeno 12 ore in frigorifero, anche panini o insalate già preparate.

Durante il barbecue, inoltre, la cottura delle carni deve avvenire su carbonella, non fiamma. Evitare le parti bruciate perché sono cancerogene. Infine, bere molto, mangiare frutta e verdura e fare pasti leggeri.