La dieta è influenzata dallo stile di vita

Muoversi è la cosa più importante per perdere peso. La dieta va bene, ma deve essere associata a un programma di dimagrimento, altrimenti non ha senso.

Pubblicato da Valentina Morosini Sabato 16 ottobre 2010

La dieta è influenzata dallo stile di vita

C’è poco da fare, la dieta non serve se non c’è un buon programma di attività sportiva. Le due cose devono andare in coppia e parallelamente. Lo hanno sostenuto durante Annual Scientific Meeting of the Obesity Society , i ricercatori dell`University of Pittsburgh School of Medicine (Usa) guidati da Bret Goodpaster, che hanno analizzato 130 adulti gravemente obesi non diabetici. Durante le ricerche, i volontari sono stati divisi in due gruppi per valutare la perdita di peso nell’arco di un anno. Vediamo insieme come è stata impostata questa ricerca e quali risultati ha dato.

Un gruppo è stato messo a dieta e attività fisica per tutti i 12 mesi, mentre l`altro gruppo ha avuto lo stesso intervento dietetico ma ha svolto attività fisica solo durante i sei mesi finali del tempo a disposizione. Quindi, mettiamola così, la variabile è la ginnastica. La media degli esercizi richiedeva passeggiate a ritmo sostenuto di 60 minuti per cinque giorni alla settimana.

Dopo un anno, dei 130 partecipanti, 101 (78%) hanno completato il test. Dai risultati è emerso che, sebbene il primo gruppo abbia perso in media più peso nei primi sei mesi, gli autori riferiscono che la perdita di chili a 12 mesi era circa la stessa nei due gruppi (12 chili contro circa 10 chili).

Bret Goodpaster ha commentato: “Circonferenza vita, grasso viscerale addominale, steatosi epatica, pressione arteriosa e insulino-resistenza si sono ridotti in entrambi i gruppi. Gli interventi basati sullo stile di vita possono quindi causare perdite di peso clinicamente significative e importanti miglioramenti nei fattori di rischio cardiometabolico“.