Metabolismo, attenzione ai cocktail dimagranti

Per dimagrire si pensa spesso che assumere farmaci o integratori 'pesanti' possa essere una soluzione veloce ed efficace per la perdita di peso; questo non è sempre vero, soprattutto è stato dimostrato come i cocktail dimagranti possano avere effetti nocivi sul metabolismo. Vediamo perché e qual è la soluzione

da , il

    Metabolismo, attenzione ai cocktail dimagranti

    Quando si vuole dimagrire la risposta sembrano i cocktail dimagranti, ma sul metabolismo hanno effetti devastanti, per cui c’è da prestare molta attenzione alla loro assunzione senza controllo medico. Purtroppo quando si rientra dalle vacanze è abbastanza normale trovarsi appesantiti, in più l’autunno non aiuta; come abbiamo detto la stagione influenza notevolmente il metabolismo. Alzi la mano chi ha pensato di mettersi a dieta con qualche pasto sostitutivo; beh da questo punto di vista l’attenzione è d’obbligo. Nell’articolo seguente vi spiegheremo perché è meglio non assumere beveroni dimagranti al posto dei pasti senza controllo di un dottore e quale può essere la soluzione per accelerare il metabolismo.

    Controindicazioni dei cocktail sostitutivi dei pasti

    Negli Stati Uniti si possono acquistare liberamente, ma qui da noi ci vuole una prescrizione. E per fortuna, perché possono avere tante controindicazioni, come la comparsa di tachicardia, nervosismo, sudorazione eccessiva. Queste pillole fanno lavorare più velocemente il metabolismo, ma a volte non contengono solo gli ormoni T3 e T4, ormai ben conosciuti, ma contengono anche l’ormone T2 i cui effetti sono ancora da indagare con precisione.

    La soluzione

    Al posto delle pillole dimagranti è meglio assumere “normali” integratori: associati a una buona dieta, studiata a tavolino da un medico (a proposito, se volete potete leggere il nostro approfondimento sulla dieta del supermetabolismo, che lo accelera senza creare danni all’organismo), e un po’ di attività fisica faranno molto meglio che una pozione di farmaci. Ricordate che l’assunzione di pillole a base di questi ormoni determina un brusco calo nei livelli ematici di calcio con gravi ripercussioni per la salute soprattutto nelle donne in menopausa.