Metabolismo, l’estratto di betulla aiuta a bruciare i grassi

Da uno studio è emerso che l'estratto di betulla è favoloso per accelerare il metabolismo e favorire la perdita del peso corporeo in eccesso: vediamo le scoperte principali

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 11 gennaio 2011

Metabolismo, l’estratto di betulla aiuta a bruciare i grassi

Il metabolismo può funzionare meglio con l’estratto di betulla, che può aiutare anche a combattere l’obesità e il diabete. Questo è quanto consigliano i i ricercatori dello Shanghai Institutes for Biological Sciences (Cina). Gli esperti hanno condotto un curioso studio, su modello animale, per verificare i benefici della betulla: questa pianta infatti è alla base di molti prodotti drenanti perché favorisce la circolazione ed è una preziosa alleata anche la lotta contro la cellulite. Ma vediamo i risultati di questa ricerca.

Lo studio

Durante lo studio, per 6 settimane un gruppo di topi ha seguito una dieta particolarmente ricca di grassi. Suddivisi in due gruppi, alcuni di questi hanno anche assunto del “betulino”, la sostanza attiva presente in abbondanza nella corteccia della pianta di betulla.

La betulla preziosa per il metabolismo

I risultati hanno dimostrato che i topi che hanno assunto il betulino hanno preso meno peso. A detta dei ricercatori, questo estratto avrebbe bruciato le calorie in eccesso assunte tramite la dieta, ridotto il livello di grassi e reso i topi più resistenti all’insulina. Ma c’è di più: ha favorito un minore sviluppo di placche arteriosclerotiche, un abbassamento dei lipidi nel sangue, nel fegato, nel tessuto adiposo; un abbassamento dei livelli di colesterolo.
Insomma, davvero una manna che potrebbe rivelarsi molto utile per le persone sia con qualche problema di peso, sia per coloro che vogliono fare un po’ di prevenzione. Inoltre, hanno individuato che questo prodotto potrebbe essere inserito in un farmaco per monitorare le malattie metaboliche.
Se accelerare il metabolismo è per voi una priorità, potete consultare il nostro articolo di approfondimento cliccando sull’apposito link.