Obesità, cittadini più grassi nei Paesi con molti fast food

da , il

    Obesità, cittadini più grassi nei Paesi con molti fast food

    I tassi di obesità sono più alti nei Paesi dove ci sono più fast food. Non è una campagna denigratoria contro queste locande in cui si consuma cibo (molto calorico) velocemente, ma il risultato di una ricerca condotta da uno studio dell’Università del Michigan (Usa) e pubblicato sulla rivista Critical Public Health.
 Secondo gli esperti, Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna sono quelli con il maggior numero di ristoranti fast food e sono anche quei Paesi in cui il numero medio di obesi è più elevato.

    La Norvegia e il Giappone, invece, che hanno un numero inferiore di queste catene che propongono cibi pronti, sono anche quelli più magri e dove i tassi di obesità sono inferiori. Ma vediamo qualche numero insieme, tanto per dare la dimensione di questo problema.

    Negli Stati Uniti ci sono 7,52 fast food ogni 100mila abitanti, in Canada 7,43.

I tassi di obesità negli Usa sono rispettivamente del 31,3% per gli uomini e del 33,2% per le donne. In Canada gli obesi sono il 23,2% degli uomini e il 22,9 delle donne.
 Diciamo pure che questa fotografia non è nuova e rispecchia la situazione dell’Inghilterra, Paese più grasso d’Europa.

    Per quanto riguarda invece i virtuosi Giappone e Norvegia, troviamo nel primo 0,13 per cento di fast food ogni 100mila abitanti, mentre nel secondo 0,19 per cento. Per quanto riguarda l’obesità maschile in Giappone è del 2,9 per cento, contro il 3,3 per cento. In Norvegia sono il 6,4 per cento degli uomini, delle donne il 5,9 per cento. Direi che non c’è paragone. Teniamo poi in considerazione che qui c’è un’alimentazione diversa, molto più ricca di pesce e di verdure.