Obesità: il 2010 eletto anno di lotta alla malattia

La campagna dei medici di medicina generale e di Federsanità Anci, fatta in collaborazione con Assotisanoreica, ha scatenato le dure critiche dei maggiori esperti del settore. "Attenzione alle facili promesse". L'obesità è una malattia cronica e va affrontata con l'adozione costante di uno stile di vita sano

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 11 dicembre 2009

Obesità: il 2010 eletto anno di lotta alla malattia

Sono tante le iniziative per combattere il problema dell’obesità. Poco tempo fa si è celebrato l’Obesity day per sensibilizzare la gente sui rischi che incorre la salute con l’aumentare del peso. Il 2010 è stato eletto l’anno per la lotta a questa malattia e per la prima volta l’Italia lancia una compagna contro questa piaga sociale. Medici di famiglia, farmacisti, aziende sanitarie, comuni ed esperti di nutrizione scendono in campo per divulgare i principi della sana e corretta alimentazione.

Una bella iniziativa, perché bisogna continuare a ripetere quali sono i comportamenti dannosi, gli esami da fare, i rischi per il cuore, ecc. Il progetto promosso da Fimmg, Federsanità-Anci, Federazione Ordine dei Farmacisti Italiani e AssoTisanoreica® è stato presentato all’Hotel Hilton Rome Cavalieri con un talk show condotto da Michele Mirabella.

Ci dimentichiamo che il primo aiuto in casa, per quanto riguarda la salute, è il medico di nase, che dovrebbe essere in grado di fornire agli assistiti un ventaglio di soluzioni dietoterapeiche moderne. Tra queste, di particolare interesse sono le diete chetogeniche, quale il metodo Tisanoreica, che prevede una riduzione significativa di ogni tipo di carboidrato, mantenendo tutti gli altri nutrienti.